Gli iscritti al corso di laurea magistrale in Antichità Classiche e Orientali studiano le letterature classiche e le civiltà antiche: Grecia, Roma, Vicino Oriente (Anatolia, Siria, Mesopotamia, Egitto).

Il corso è articolato in tre curricula: Filologico-letterario classico; Storico; Orientalistico.

Il corso consente di comprendere in maniera criticamente approfondita testi letterari e documentari nelle loro lingue originali, di studiare le più antiche scritture preclassiche, di acquisire una compiuta formazione filologica classica, di conoscere la storia politico-istituzionale, culturale e socio-economica sia della civiltà greco-romana sia di quelle vicino-orientali, di esplorare la permanenza e le trasformazioni dell’antico nella cultura occidentale.

Gli iscritti hanno la possibilità di seguire, oltre ai corsi ufficiali, lezioni seminariali e conferenze tenute da docenti di altre Università, italiane e straniere, di contribuire attivamente alle ricerche in corso mediante la preparazione di lavori individuali, la partecipazione a campagne di scavo e l’adesione a viaggi di studio.

Grazie al progetto Erasmus e ad altri accordi internazionali gli studenti potranno inoltre trascorrere periodi di studi all’estero allo scopo di perfezionare le proprie competenze linguistiche e in vista della discussione della tesi finale.

Il non elevato numero di iscritti facilita la creazione di un rapporto diretto studente/docente, una consultazione agevole del ricco materiale di studio posseduto dalla biblioteca, uno svolgimento puntuale degli esami di profitto.

Dal sondaggio realizzato dal consorzio interuniversitario Almalaurea risulta che il 100% degli intervistati si iscriverebbe di nuovo al corso di Antichità Classiche e Orientali dell’Università di Pavia (dati aggiornati al maggio 2016); inoltre secondo dati Almalaurea2023 i laureati di UniPV sono assunti prima e con stipendi migliori.